Il Thistlegorm

Il relitto del Thistlegorm si trova a Sud-Est di Sha’ab Ali, un complesso di formazioni
EPV0037bncoralline che si estende all’ingresso del Golfo di Suez. Lo scafo, affondato in assetto di navigazione poggia su un fondale a circa 34 metri di profondità, con la prua rivolta a Nord-Ovest e con le sovrastrutture che risalgono sino a circa 14 metri dalla superficie. Lungo 131 metri e largo 18 fu varato nel 1940 e svolgeva servizio trasportando materiale bellico destinato alle truppe britanniche in Nord Africa. Al momento dell’affondamento era carico di jeep, autocarri, motociclette BSA e Norton, due carri armati leggeri, due locomotive e relativi vagoni, mine, proiettili, fucili e altre armi.
L’immersione sul Thistlegorm rappresenta un appuntamento immancabile per chi si reca a fare immersioni in Mar Rosso e di norma, date le dimensioni, si fanno due tuffi consecutivi con un breve intervallo di superficie. Un consiglio: se avete la possibilità di condizionare il gruppo, fate il primo tuffo penetrando il relitto e visitando le stive, mentre il secondo lo dedicherete all’esterno. Questo in quanto tutti i gruppi fanno il contrario e la folla sempre presente di sub vi rovineranno la visita all’interno sia con le bolle sia con il pulviscolo alzato dalle pinne…..

La discesa e la risalita saranno sempre effettuati seguendo la cima che la guida avrà assicurato al relitto, la corrente infatti arriva anche ad essere molto forte ed il rischio di essere trascinati lontano sempre presente. Il relitto è diventato dimora di svariati abitanti per cui osservate con attenzione ogni piccolo foro.
Partendo dalla prua la prima cosa che si incontra è il grande argano con le catene delle imponenti ancore, completamente ricoperto di alcionari rossi, subito dopo un fumaiolo colonizzato da alghe rosse. Proseguendo verso poppa ci si imbatte in due vagoni cisterna seguiti dall’albero di maestra che, spezzatosi, giace sul pontile. Due vagoni ferroviari sono ai lati dell’apertura della seconda stiva.
La cabina di comando completamente scoperchiata è abitata da decine di piccoli soggetti per la macrofotografia, subito oltre appare lo squarcio causato dalle bombe che esplosero nella stiva 4 spezzando in due lo scafo. Sparsi sul fondale rottami di ogni genere ed i due carri armati leggeri. Ad una ventina di metri di distanza, giace una delle due locomotive che erano caricate sul ponte. Qui si nota anche la grande mitragliatrice antiaerea da 40 mm.
La galleria dell’esterno del relitto QUI

Thistlegorm_1 La seconda immersione (ripeto, meglio se la prima) la dedicherete all’interno, d’obbligo un buon illuminatore ..Partendo da prua, nella prima stiva al livello inferiore si trovano pneumatici, stivali, e casse di fucili mentre al piano superiore sono visibili motociclette BSA e automobili Morris.
Proseguendo nella seconda stiva a livello inferiore ancora motociclette caricate su camion mentre al piano superiore molte motociclette in assetto di guida ed alcune vetture.
Nella terza stiva, su entrambi i livelli, sono ammassati proietti di artiglieria e casse di munizioni. Ogni angolo si presta a decine di foto, peccato  che quando ho fatto l’immersione c’era molta sospensione che ha reso molte foto illeggibili o quasi. La galleria delle foto delle stive QUI
Altra zona che non ho visto ma che, da quanto ho letto, è da visitare certamente: il piano poppiero con l’elica ed il timone.
In ogni momento, non dimenticate di buttare uno sguardo al mare aperto, spesso è facile vedere svariati tipi di pesci percorre o sostare controcorrente….